Hai un'attività in Italia?
Ottieni il tuo negozio gratuito su Sipoko.it
Inizia subito a proporre i tuoi prodotti a migliaia di potenziali clienti

Riciclo imballaggi e RAEE

Con il termine "Riciclo" si intende l'insieme delle metodologie volte a recuperare i materiali utili dai rifiuti al fine di riutilizzarli anziché smaltirli in discarica. In questo modo si previene lo spreco di materiali utili, si garantisce sostenibilità al ciclo di produzione/utilizzazione dei materiali e si previene l'emissione dei gas serra che sono molto dannosi per l'ambiente. 


E' importante quindi sapere come riciclare correttamente i rifiuti che produciamo giornalmente in casa; in questa piccola guida vogliamo fornirvi delle informazioni utili in merito al corretto riciclaggio dei RAEE (rifiuti da materiale elettrico ed elettronico, lampadine, batterie) nonché della plastica e degli oli esausti.

Riciclo
COSA SI INTENDE CON IL TERMINE RAEE

Con il termine RAEE vengono identificati tutti quei Rifiuti derivanti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche non più funzionanti. In base alla tipologia possono essere distinti in cinque categorie:

  • Raggruppamento R1: elettrodomestici adibiti allo scambio di temperatura (frigoriferi, congelatori, elettrodomestici per la conservazione di alimenti…)
  • Raggruppamento R2: schermi, monitor e TV (schermi, monitor, apparecchi televisivi flat screen al plasma, cornici digitali…)
  • Raggruppamento R3: lampade e sorgenti luminose (tubi fluorescenti, lampadine a LED, lampade fluorescenti compatte…)
  • Raggruppamento R4: grandi elettrodomestici (lavatrici, boiler, scaldabagno, radiatori, apparecchi per la ventilazione…)
  • Raggruppamento R5: piccoli elettrodomestici e apparecchiature informatiche (aspirapolvere, ferri da stiro, tostapane, friggitrici, videocamere, computer, smartphone…)


Siccome questi prodotti sono presenti nelle case di tutti gli italiani e noi di Sipoko siamo vicini al tema dell'inquinamento ambientale, riteniamo sia giusto fornirvi delle indicazioni in merito al corretto smaltimento di queste apparecchiature.

Aiutaci a dare una mano all’ambiente, segui queste semplici regole.
COME RICONOSCERE I RAEE E SMALTIRLI CORRETTAMENTE

Come abbiamo già detto, rientrano nella categoria dei RAEE tutti quei rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche non più funzionanti e inutilizzabili. Il telefonino, il computer (ma anche la semplice lampadina che usi per illuminare la tua camera da letto) se non vengono smaltiti correttamente possono rappresentare un grave pericolo per l'ambiente.


E' facile riconoscere questo tipo di prodotti, in quanto contrassegnati da questo simbolo:

RAEE

Questi rifiuti devono essere smaltiti separatamente e non insieme a quelli domestici, in quanto contengono al loro interno sostanze nocive che potrebbero nuocere gravemente l’ambiente che ci circonda.

Per questo motivo l’Unione Europea ha messo a punto una normativa (racchiusa nel Pacchetto Economia Circolare) che ha come scopo quello di fare in modo che:

  • i produttori siano più responsabili in merito al trattamento e riciclo di tali prodotti
  • venga ricordata l’importanza del corretto smaltimento dei rifiuti
  • si possa aumentare il riciclo dei rifiuti urbani e diminuire l’utilizzo delle discariche

Prendendo quindi come riferimento le direttive della normativa, abbiamo deciso di contribuire alla salvaguardia del pianeta fornendovi delle indicazioni in merito al corretto smaltimento di:

  1. RIFIUTI RAEE
  2. PILE E BATTERIE
  3. LAMPADINE
  4. ALTRI RIFIUTI PERICOLOSI PER L'AMBIENTE (oli esausti e imballaggi)


1. RAEE: COMPUTER, STAMPANTI, CELLULARI, ELETTRODOMESTICI...

E’ estremamente importante riciclare correttamente questi rifiuti in quanto sono una categoria in rapido aumento; la maggior parte di questi infatti non viene riciclata in maniera corretta, e ciò può provocare il rilascio di sostanze e materiali nell'aria che se non vengono trattati correttamente possono costituire un pericolo non solo per la natura e l’ambiente, ma anche per noi esseri umani.

Riciclo RAEE

Se vuoi sapere quali sono i punti di raccolta più vicini a casa tua, segui questo link:
CENTRI DI RACCOLTA RAEE
Ti basterà inserire la tua regione e provincia per visualizzare sulla mappa tutti i Centri di Raccolta disponibili e conoscerne l’indirizzo esatto.


2. PILE E BATTERIE

Le pile e le batterie esauste rappresentano un altro tipo di rifiuti che è bene smaltire a parte e non insieme ai rifiuti domestici, in quanto contengono al loro interno delle sostanze che possono essere riciclate ed altre (come piombo, zinco o mercurio) che invece rappresentano un grave pericolo per l’ambiente che ci circonda.

Provvedendo quindi al corretto smaltimento di questi rifiuti puoi contribuire al riciclo di queste sostanze, che potranno poi essere riutilizzate per fabbricare nuove pile e batterie (e non solo).

Pile e batterie

Anche per le pile e le batterie esistono dei centri di raccolta dedicati. Puoi seguire questo link per scoprire quelli più vicini a casa tua:
PUNTI DI RACCOLTA PILE E BATTERIE
Ti basterà inserire la tua città per visualizzare sulla mappa tutti i punti in cui potrai riciclare le tue batterie esauste.


3. LAMPADINE

Può sembrare strano, ma anche le lampadine fanno parte di questa categoria di rifiuti; alcuni tipi infatti contengono al loro interno una piccola quantità di mercurio che se non viene smaltito correttamente può rappresentare un grave pericolo per l’ambiente che ci circonda.

Lampadine

Le lampadine a incandescenza e quelle alogene possono essere smaltite senza problemi insieme ai rifiuti casalinghi ma non con il vetro, in quanto contengono al loro interno dei sottili filamenti metallici difficili da separare in fase di riciclo.

Altri tipi (come quelle a LED, al neon, o a risparmio energetico) non possono essere smaltite con i rifiuti casalinghi ma vanno riciclate nei punti di raccolta dedicati (e trattate quindi come gli altri RAEE).

Per conoscere i punti di raccolta più vicini a te, segui questo link:
CENTRI DI RACCOLTA RAEE
Ti basterà inserire la tua regione e provincia per visualizzare sulla mappa tutti i punti di raccolta disponibili e conoscerne l’indirizzo esatto.

4. RICICLO OLI ESAUSTI

Una piccola parte di questa guida la vogliamo dedicare alla raccolta e al riciclo dell’olio esausto. E’ importante smaltire anche questo tipo di rifiuti in quanto, se non vengono trattati in maniera corretta, possono rappresentare un pericolo per la natura e per l’ambiente che ci circonda.

Se l'olio penetra nel terreno potrebbe inquinare le falde acquifere che forniscono acqua potabile per le colture mentre, se disperso in acqua, provoca una pellicola che determinerebbe la morte di tutte le specie che vivono al di sotto di essa.

Oli esausti

Quindi, tutti gli oli “a combustione interna” come quelli per la macchina o veicoli agricoli, devono essere riciclati in uno dei tanti centri di raccolta sparsi nel nostro territorio. 


Per conoscere i centri di raccolta più vicini a casa tua ti basterà seguire questo link:
CENTRI DI RACCOLTA OLI ESAUSTI
Inserendo il nome della tua città potrai visualizzare sulla mappa tutti i centri disponibili e consultare anche i giorni e gli orari di apertura.

5. RICICLO IMBALLAGGI

Infine riteniamo sia giusto spendere due parole anche sul riciclo degli imballaggi, in quanto la maggior parte vengono realizzati utilizzando la plastica e il cartone.

La plastica in particolare non è biodegradabile, e per smaltirla ci vogliono più di 1000 anni! Inoltre, se viene bruciata, potrebbe rilasciare nell'aria sostanze altamente tossiche per l'ambiente e per noi esseri umani.

Imballaggi

Le scatole di cartone e gli imballaggi di plastica devono quindi essere riciclati correttamente servendosi dei sistemi di raccolta differenziata domestica organizzate dalle varie regioni; visita il sito del tuo comune o municipio di residenza per conoscere il sistema di raccolta messo in atto settimanalmente.



RESPONSABILITA' ESTESA DEL PRODUTTORE

Come previsto dalla direttiva contenuta nel decreto legislativo 116/2020, entro il 2024 tutti i paesi membri dell'Unione Europea dovranno aderire a quella che è stata definita "Responsabilità Estesa del Produttore" (dall'inglese Extended Producer Responsability) che ha come obiettivo quello di promuovere l'utilizzo di materiali biologici facilmente riciclabili e sensibilizzare l'opinione pubblica in merito al corretto smaltimento dei rifiuti derivati da imballaggi.


EPR


Per saperne di più su questo argomento, vi invitiamo a leggere la pagina dedicata disponibile a questo link.